Come viaggiare in bici

Tutti ormai sono alle prese con il conto alla rovescia per le tanto attese vacanze estive.

Tuttavia, numerose sono le persone che stanno decidendo di non partire, complice la pandemia da Coronavirus che continua ad imperversare in tutto il mondo, mentre altri stanno optando per vacanze alternative, magari attraverso l’affitto di una villa privata con piscina o il noleggio di una barca, proprio per rispettare anche tutte le normative vigenti anti Covid-19.

Tra le varie tipologie di vacanze alternative una potrebbe essere quella di viaggiare in sella alla propria bici.

Pianificare il viaggio in bici

Decidere di viaggiare con la bici, significa essere pronti non solo a mille imprevisti ma a lasciarsi guidare dal proprio spirito di avventura e soprattutto dalla voglia di esplorare nuovi luoghi.

Il tutto però va pianificato nei minimi particolari, soprattutto se si è alle prime armi, non bisogna lasciare nulla al caso onde evitare spiacevoli inconvenienti.

La prima cosa da fare dunque è scegliere il proprio itinerario e con una cartina geografica alla mano e foglio di carta scrivere punto per punto le varie tappe che si vogliono fare.

Se non si sa da dove iniziare, ci si può sempre affidare ad un tour operator che pianificherà il viaggio: ciò offre la sicurezza che tutto è già stabilito dalle mete alla logistica, lasciando però poco spazio all’intraprendenza.

Si potrebbe anche decidere di scegliere uno dei ben noti itinerari ciclabili come la via Franchigia o il Cammino di Santiago: in questo caso gli itinerari ciclabili sono ben attrezzati e molto sicuri, scavati anticamente, facendovi assaporare il contatto con la storia.

Per chi invece vuole pianificare un viaggio da solo allora il tutto dovrà essere fatto in base al punto di arrivo a cui si vuol giungere.

Come scegliere il giusto itinerario

Quando si deve scegliere l’itinerario questo può essere fatto seguendo due direttive:

  • viaggio in cerchio: si parte da una città e dopo un itinerario circolare si torna alla stessa città di partenza;
  • viaggio lineare: si scelgono due punti diversi di partenza ed arrivo e si compie l’itinerario attraversando le varie città che conducono alla meta.

Scegliere la giusta logistica

A questo punto, non resta altro da fare che considerare la logistica: si deve considerare che non si può partire da casa propria con la bici, pertanto si dovrà ricorrere ai mezzi di trasporto che conducono al punto di partenza del vostro viaggio, ovviamente insieme alla propria bici.

Infatti, sia treni, autobus che navi offrono la possibilità di poter imbarcare con un piccolo sovrapprezzo sul costo del biglietto la bici, mentre la cosa si complica per quanto riguarda gli aerei, in quanto il mezzo deve essere imballato.

Una volta giunti al punto di partenza, non vi resta altro da fare che impostare il navigatore gps, salire in sella e preparavi a vivere un’esperienza indimenticabile.